Venerdì scorso è apparsa su Twitlonger una sfuriata contro Google di tale thomasmonopoly (vero nome, Dylan M.) – sfuriata che ha fatto rapidamente il giro della rete (anche in Italia).

In buona sostanza, Monopoly accusa Mountain View di avere chiuso completamente il suo account Gmail – senza spiegazioni se non un’apparente “violazione” percepita dal sistema.

È importante mantenere un backup di Gmail. Come questo incidente ci ha mostrato, spazzando via tutte le nostre mail importanti è a un click di distanza. Dylan sostiene inoltre che Monopoly non ha infranto alcuna regola o violato alcuna condizione. Infatti se leggete ciò che ha attraversato, è possibile che vi faccia più attenti.

Monopoly tuttavia è sicuro di non avere infranto alcuno dei termini di servizio, e del resto Google non ha prodotto alcuna prova specifica per indicare tale violazione.

Monopoly dà anche un dettagliato resoconto di come non abbia ricevuto aiuto concreto dall’azienda, dovendo anzi attraversare un vero e proprio girone infernale di domande senza risposta, disperati tentativi di recupero e così via.

Le conseguenze, come potete immaginare, sono state devastanti:

You have cut off my communication, disrupted my personal and professional life, effectively stolen vast amounts of my personal and professional data, accused me of something without telling me that I am accused, accused me of something without telling me what it is that you have accused me of, blocked any direct communication with my accuser, and given me no ability to appeal this decision or to speak with someone on the facts of the case. This company is headed down a very, very menacing path if it continues in this way.

Bene. Usate anche voi Gmail?

Allora, alla luce di questo episodio – che, si dirà, capita sempre a qualcun altro: finché non capita a voi – è arrivato il momento di fare un backup della vostra posta eletronica su disco rigido. (E possibilmente salvarlo in seguito anche su una chiavetta o un disco esterno).

Il modo più semplice è scaricare un client di posta – noi consigliamo Mozilla Thunderbird, semplice e gratuito – e seguire alcuni semplici passi:

  1. Scegliete, nelle Impostazioni di Gmail, l’attivazione di POP o IMAP.
  2. Sempre nelle Impostazioni, fate attenzione che sia selezionata l’opzione di copia:

 

  1. Aprite il client di posta e inserite il vostro indirizzo email e password.
  2. Le email verranno automaticamente copiate sul disco rigido, nella cartella del client.

Naturalmente, un backup andrebbe fatto anche se usate qualsiasi altro servizio webmail, o cloud-based (come Dropbox): in tempi di attacchi informatici, down improvvisi e compagnia bella, è sempre meglio avere una copia di tutti i vostri dati su un supporto che possedete fisicamente. Questo sia per questioni pratiche, sia di privacy.